Viaggio a Firenze, tra emozione e orgoglio

Eccoci al secondo incontro di #viaggioconunospite. Questa settimana verrà raccontato un viaggio a Firenze; potrete leggere delle parole piene di orgoglio (quello che si prova nel vivere in uno dei paesi più belli al mondo) e piene di emozione (nel vedere qualcosa di nuovo).

Il viaggio a Firenze è raccontato da Andrè Goicochea. Lo conoscete? Bene, dovreste! E’ una persona molto cara e garbata, molto forte e presente su Instagram con il nome di @andregoico. L’avete trovato?

Ok, posso lasciarvi allora al suo racconto di Firenze.

Viaggio a Firenze, le emozioni di Andrè

Firenze dall'alto viaggio a Firenze

Agosto 2016, tutte le persone alle quali dicevamo, io ed il mio amico, la nostra destinazione, restavano un po’ sbalordite. La ragione è semplice, verso agosto andare a visitare una città invece di andare al mare oppure in altri luoghi considerati estivi destava incognite nella mente dei nostri amici.

Ma tutto ciò non ci importava, semplicemente perché andare a Firenze è sempre stato il mio sogno, e solo i veri viaggiatori possono capire la mia decisione.

Firenze è una città come poche altre, fu la culla del rinascimento e la patria di potenti dinastie famigliari. Ogni via, strada o vicolo raccontano le loro storie.

In quei luoghi è come se il tempo si fosse cristalizzato e all’improvviso il turista si ritrovasse nel Quattrocento.

Dall'alto viaggio a Firenze

Viaggio a Firenze: Piazza del Duomo e Santa Maria del Fiore

Ho ancora memoria di quel momento in cui, lasciate le valigie in albergo, ci dirigemmo verso Piazza del Duomo. Appena ci misi piede, sentii come una sensazione di grande emozione che immergeva completamente il mio corpo.

La grande Santa Maria del Fiore era lì con tutta la sua imponenza e splendore, si vedeva anche la grande cupola, che sovrastava con grande regalità la piazza. Forse quel momento sarà una delle emozioni che ricorderò per tutta la mia vita, il clima era molto afoso, ma non importava, il mio sogno si era finalmente realizzato.

Campanile di Giotto viaggio a Firenze

Viaggio a Firenze: Campanile di Giotto

Il primo giorno, visitammo il Campanile di Giotto, mille e mille scalini, ma una volta saliti la vista della città era spettacolare. Lì sopra, nonostante il numero elevato di persone, ci si poteva soffermare a meditare. Mi sentivo veramente una persona speciale, una persona eletta proprio per vedere quello che un tempo altri uomini come noi fecero.

Il momento più emozionante fu quando salii sulla cupola di Santa Maria del Fiore; non fu facile farsi tutti quegli scalini, la sensazione di stupore fu immensa e allo stesso tempo mi sentivo orgoglioso, orgoglioso di essere cresciuto in un paese meraviglioso, il quale, nonostante affronti delle difficoltà politiche o economiche, riesce a sopravvivere sempre con la sua grande bellezza.

Vi è piaciuto? Pronti ad un viaggio a Firenze?

IL VIAGGIO A PRAGA RACCONTATO DA GIULIA MARTINENGO

IL VIAGGIO ALLE 5 TERRE RACCONTATO DA ALESSANDRO

Alla prossima settimana con un nuovo #viaggioconunospite.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *