Polignano a Mare: cosa vedere in questo angolo di paradiso

Dopo il racconto di Bari [cliccate qui se ve lo siete persi], è arrivato il momento di Polignano a Mare.

Si tratta della nostra seconda tappa del tour pugliese e mi sembra scontato dire che è rimasta impressa nei nostri cuori e nelle nostre menti: Polignano ti fa sentire bene perché ha un mare cristallino, perché la sua conformazione naturale è incredibilmente stupenda e perché il centro storico è molto carino e imperdibile.

polignano a mare

Dopo una veloce colazione siamo corsi subito ad ammirare Lama Monachile (o Cala Porto), lo scenario inconfondibile a cui siamo abituati (grazie alle tantissime foto scattate dal ponte di Polignano). Siamo rimasti alcuni minuti ad ammirare ciò che la natura ci ha messo a disposizione.

La piccola spiaggetta rocciosa di Cala Porto è sempre e costantemente affollata (anche perché la spiaggia è talmente piccola e stretta che fa in fretta a riempirsi); nonostante ciò ci siamo avventurati e per circa una mezz’oretta ci siamo goduti la spiaggia e il mare di Polignano. 

Monachile Polignano a Mare

In seguito abbiamo preferito lasciare la spiaggia perché se non si è forniti di water shoes (scarpe da scoglio, scarpe da mare, scarpe da… non ho idea di come si possano chiamare quelle scarpette) la sofferenza diventa man mano sempre più insopportabile. Abbiamo potuto comunque godere della vista di alcune delle tante grotte che affascinano i visitatori di Polignano a Mare prima di incamminarci verso il centro storico.

centro storico polignano a mare

Nel centro storico camminerete godendovi il relax di quelle stradine strette, perlopiù bianche, arricchite da vasi e fiori colorati e di tanto in tanto qualche balconata con vista sulla rocciosa Polignano a Mare.

Approfittatene per prenotare un posticino in un ristorante in centro (il centro lo riconoscerete, è tutto quello che vedrete superato l’Arco Marchesale) se non volete fare una coda interminabile da Pescaria, uno dei locali più famosi di Polignano a Mare (famoso per il panino con il polpo, quello che vedete in foto).

pescaria polignano a mare

Eppure noi abbiamo fatto così. Siamo partiti con tanto anticipo e ci siamo messi in coda. L’attesa sarà lunga non solo per ordinare il vostro panino ma anche dopo che avrete ricevuto il vostro bigliettino con il numero di ordinazione. I panini e la qualità del pesce è molto alta e comunque l’attesa è ripagata.

>> Potrebbe interessarti anche: Puglia da gustare, i principali piatti pugliesi

Una delle attività che vi consiglio senza ombra di dubbio è il tour in pedalò. Fidatevi! 

Per affittare il pedalò (circa 12 Euro all’ora) dovrete spostarvi a Cala Paura, circa dieci minuti a piedi. Per arrivarci dovrete passare davanti al Monumento dedicato a Domenico Modugno, celebre artista nato a Polignano a Mare: approfittatene per alcuni scatti caratteristici.

Domenico Modugno Polignano a Mare

Torniamo però al nostro tour in pedalò.

Potreste dover aspettare un po’ perché sono molto gettonati, eppure quando sarà vostro potrete lanciarvi all’avventura e visitare tutte le grotte di Polignano a Mare: sicuramente l’esperienza più bella ed emozionante della nostra vacanza.

grotte Polignano a Mare

Non ricordo i nomi di tutte le grotte e comunque non saprei distinguerle ma sono una più bella dell’altra.

All’interno di una di queste si trova anche il famosissimo ristorante di Polignano a Mare: sì, proprio quello che vedete su tutte le storie/foto di Instagram. E’ considerato uno dei ristoranti più belli del mondo (e immagino anche uno dei più costosi, ma questi sono particolari…)

Per concludere, vi consiglio di stendere il vostro asciugamano in una delle spiaggette rocciose che si trovano in quella zona e godervi il mare limpido e cristallino di Polignano a Mare.

fly polignano a mare

Per un aperitivo vi consiglio il Fly, locale molto caratteristico che ha come punto di forza la vista su Cala Monachile. Al tramonto è qualcosa di veramente magico, ve lo consiglio (meglio prenotare)!

Per una cenetta romantica va benissimo anche uno dei locali su Via Roma e parallele, le vie dedicate allo shopping e al passeggio.

Non ci rimane che dire arrivederci alla prossima tappa del tour: Alberobello.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *