Palazzo Reale di Palermo e Cappella Palatina: la visita

Se hai in progetto di visitare il Palazzo Reale di Palermo e la Cappella Palatina, sei nel posto giusto.

In questo post avrai modo di leggere quali sono le cose da non perdere in visita al Palazzo dei Normanni e quali caratteristiche della Cappella Palatina potrai immortalare nelle tue fotografie.

Cominciamo e scopriamo la storia del palazzo.

Storia del Palazzo Reale di Palermo

palazzo reale di palermo
visitare palazzo reale e cappella palatina

Il Palazzo Reale di Palermo è noto anche con il nome di Palazzo dei Normanni. La storia del palazzo ha visto tanti popoli diversi e quindi tante trasformazioni.

Sorge nel nucleo più antico della città e fu la popolazione araba a edificare la prima versione del palazzo, principalmente con scopi militari.

Fu l’arrivo dei Normanni a conferire al Palazzo Reale di Palermo un grande ampliamento e lavori di ricostruzione, creando un vero e proprio centro nevralgico del potere palermitano.

Le corti svolsero un compito molto importante, ossia riuscire a far convivere culture profondamente diverse tra di loro.

Con Federico II di Svevia venne riorganizzata l’attività amministrativa e quella culturale con la Scuola Poetica Siciliana.

Alcuni anni di declino con le dominazioni aragonesi e poi nuovamente il prestigio con i vicerè spagnoli.

I Borboni di Sicilia ristrutturarono il Palazzo Reale di Palermo e apportarono nuove decorazioni, in particolar modo quelle presenti nella Sala d’Ercole, utilizzata oggi dal Parlamento Regionale.

Sito Patrimonio Unesco

Il sito “Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale” è patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

E’ stato riconosciuto come esempio di convivenza tra diverse componenti culturali con storia e provenienza diversa. Questo ha portato ad uno stile architettonico originale che mischia elementi bizantini, islamici e romanici.

E’ proprio il Palazzo Reale di Palermo a rivestire il cuore dell’itinerario arabo-normanno, grazie al ruolo politico e di ricchezza che ha avuto nella storia.

Orari di visita del Palazzo Reale e prezzi

L’orario di apertura del Palazzo Reale di Palermo è dalle 8:15 alle 17:40 dal lunedì al sabato mentre dalle 8:15 alle 13 la domenica e i festivi.

C’è tenere in considerazione che durante le celebrazioni religiose, la Cappella Palatina è chiusa alle visite. Durante la domenica e le festività, dalle 9.45 alle 11:45 sarà chiusa per celebrare la messa.

Altro aspetto fondamentale è che il martedì, mercoledì e giovedì non è possibile visitare gli appartamenti reali per lo svolgimento delle attività parlamentari.

I prezzi per l’ingresso al Palazzo Reale e alla Cappella Palatina non mi sono chiari, devo dire la verità. Noi abbiamo pagato 10 euro a testa (escludendo i giardini reali) anche se sul sito ufficiale del Palazzo Reale i prezzi indicati sono diversi. Lascio a te prendere le opportune decisioni.

Palazzo Reale e Cappella Palatina

La visita a Palazzo Reale di Palermo comprende principalmente: la Cappella Palatina al primo piano, gli appartamenti reali al secondo e infine i giardini reali. Decidi tu con quale sequenza visitarli.

Cappella Palatina

dettagli cappella palatina
cappella palatina palermo

Prima di cominciare ricordo che la visita alla Cappella Palatina deve essere svolta silenziosamente e con spalle e gambe coperte.

Fu Ruggero II a ordinare la costruzione della Cappella Palatina all’interno del palazzo. Questa con l’intento di coinvolgere stili architettonici e culture diverse, con maestanze bizantine, islamiche e latine.

Il grande incontro tra culture e religioni diverse è rappresentato anche dall’iscrizione datata in latino, greco e arabo sulla parete all’ingresso della cappella.

Nella cupola si trova la grossa immagine del Cristo Pantocratore che si ripete poi nell’abside centrale.

I mosaici sono antichi e di grande valore artistico: rappresentano scene del nuovo testamento come il battesimo di Cristo e eventi di San Pietro e San Paolo; nella navata centrale invece scene del Nuovo Testamento. Di grande valore anche il candelabro in marmo.

L’arte araba si trova nella pittura sul soffitto (composto interamente in legno).

Appartamenti reali

Gli appartamenti reali sono composti principalmente da: Sala d’Ercole, Sala dei Viceré, Sala Pompeiana, Sala Cinese, Sala dei Venti e Sala di Ruggero.

Nella Sala d’Ercole si riunisco ad oggi i deputati dell’Assemblea Regionale Siciliana; è la sala dedicata all’eroe mitologico greco Ercole che è raffigurato dall’artista Giuseppe Velasco.

La Sala dei Viceré prende il nome dalle 21 raffigurazioni dei viceré del regno Borbone di Sicilia. La Sala Pompeiana ha uno stile neoclassico e rappresenta dei miti che prendono spunto dalle scoperte di Ercolano e Pompei.

La Sala Cinese presenta dipinti di uomini e donne con vestiti asiatici; la Sala dei venti presenta un soffitto interamente in legno sul quale è rappresentata la rosa dei venti. Per concludere la Sala di Ruggero che è dedicata a Ruggero II e riprende tematiche come la tradizione islamica.

Giardini reali

I Giardini Reali di Palermo sono composti da grandi aiuole curvilinee e da varie specie arboree di origine subtropicale. I prezzo per accedere ai giardini reali è di 2 euro.

Se vuoi scoprire altre bellezze di Palermo, il consiglio è di leggere il nostro itinerario di due giorni di Palermo. Siamo stati molto dettagliati e seguendola saprai visitare con cura l’intera città.

Se questo articolo ti è servito, ti consiglio di iscriverti alla newsletter. Scriveremo altre guide e alcuni itinerari molto utili per visitare città italiane e europee.

Siamo presenti anche sui social network, in particolar modo su Facebook, Pinterest, Twitter e Instagram.

Iscriviti alla Newsletter!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *