Palazzo Madama di Torino: il tocco Juvarriano

Da tempo sognavo di poter visitare il Palazzo Madama di Torino ma, non so per quale ragione, ho sempre rimandato. Ammiravo le fotografie della grande scalinata progettata da Filippo Juvarra e mi immaginavo su quei gradini, ad ammirare l’arte e l’architettura del palazzo.

Finalmente è arrivato quel giorno e non sto più nella pelle: vogliono raccontarti della mia visita a Palazzo Madama, cercando di darti tutte le informazioni che saranno utili alla tua visita del palazzo che è stato impreziosito dal tocco Juvarriano.

Palazzo Madama di Torino e biglietti d'ingresso

sale palazzo madama

Per accedere all’interno del Palazzo Madama bisogna fornirsi di un biglietto di ingresso.

Il costo del biglietto intero è di 10 euro, il ridotto invece 8 euro.

E’ possibile prenotare delle visite guidate con un costo aggiuntivo, ma solo dopo aver prenotato telefonicamente o via mail (con giorni di anticipo).

Il costo dell’audio-guida è di 4 euro.

Il primo mercoledì del mese, l’ingresso al Palazzo Madama di Torino è gratuito, rimangono escluse le mostre temporanee presenti nel periodo selezionato.

Sì, perché all’interno del palazzo si alternano mostre temporanee per il quale è necessario acquistare un biglietto separatamente.

Per conoscere le riduzioni dei biglietti di ingresso, gli ingressi gratuiti e quali sono le mostre presenti ti consiglio di dare uno sguardo sul sito ufficiale del Palazzo Madama di Torino.

Il palazzo è aperto tutti i giorni dalle 10 del mattino fino alle 17. Chiuso il martedì.

Ingresso di Palazzo Madama e Filippo Juvarra

Palazzo Madama è solamente la parte occidentale del complesso architettonico e storico situato in Piazza Castello.

Il nome “madama” è dato dalle persone che hanno vissuto in questo palazzo: fu dapprimata abitato da Madama Cristina di Borbone (la prima madama reale) e in seguito da Maria Giovanna Battista di Savoia (la seconda madama reale).

Per Maria Giovanna Battista di Savoia fu invitato a corte nel 1716 l’architetto Filippo Juvarra che ridisegnò l’ingresso dell’attuale Palazzo Madama di Torino.

Il progetto riguardava l’intero palazzo ma non venne mai concluso. Basta, però, ammirare l’ingresso e la sua scalinata per capire quanto sarebbe stato mastodontico il progetto dell’architetto siciliano.

Ti giuro che mi viene complicato descrivere con precisione la bianca scalinata che porta ai piano superiori, per questo motivo ho deciso che lascerò parlare le immagini.

scalinata filippo juvarra

Ci tengo a puntualizzare che per poter ammirare le scalinate ho dovuto chiaramente chiedere il permesso. Sì perché non sono incluse nel percorso di visita; chiedendo, però, a uno degli addetti ti verrà aperto l’accesso che porta direttamente sulla grande scalinata.

Palazzo Madama di Torino: il percorso di visita

Il percorso di visita di Palazzo Madama è strutturato su quattro piani. Il piano interrato al quale possiamo incorporare il Giardino medioevale, il piano terra e poi primo e secondo piano.

Al piano terra, il primo al quale si accederà, è possibile ammirare l’arte gotica e rinascimentale. Tutti i capolavori esposti sono stati realizzati tra il Tredicesimo e il Sedicesimo secolo; sculture, dipinti e oggetti della cultura figurativa piemontese. 

Leggermente nascosto, quindi attenzione a non perdertelo, è il Ritratto d’uomo di Antonello da Messina: il capolavoro raffigurato qui a fianco, per essere chiari.

Al primo piano le sale dedicate alla sfarzosa arte barocca (una più bella dell’altra). 

ritratto d'uomo antonello da messina

L’arte che ammiriamo negli antichi appartamenti reali delle madame si riferisce al periodo che va dal Seicento al Settecento. Sono talmente belle che ho deciso di raccogliere le migliori immagini al fondo di questa pagina.

Al secondo piano si trova una raccolta di arte decorativa: ci riferiamo alla sala delle maioliche e della porcellana, la Sala Atelier e la Sala Vetri. Il percorso sul Medioevo, invece, si trova al piano interrato e continua nell’oasi verde del Giardino Medioevale.

Storia e Immagini delle sale presenti a Palazzo Madama

Dovevo concludere il post con alcune immagini del Palazzo Madama di Torino. Un piccolo spoiler che spero possa incentivarti a capire quanti tesori e quanta storia si è succeduta in quella superficie.

Da porta romana si è trasformata in castello durante il periodo dei principi d’Acaja. Dal Seicento le Madame Reali l’hanno scelta come residenza reale e nell’Ottocento Carlo Alberto di Savoia vi collocò il primo Senato del Regno d’Italia.

Solamente dal 1934 il palazzo Madama ospita le collezioni di arte antica del Museo Civico.

Ecco a te una serie di immagini del Palazzo Madama di Torino.

sala palazzo madama di torino
arte palazzo madama torino

Spero che questo breve post sul Palazzo Madama del capoluogo piemontese ti sia piaciuto. Per rimanere sempre aggiornato sui post in stile travel di questo blog ti consiglio di iscriverti alla Newsletter.

Potresti anche seguirci sui social: siamo presenti attivamente su Facebook, Instagram, Pinterest e Twitter.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *