Matera, capitale europea della cultura 2019: cosa vedere assolutamente

Alla scoperta di Matera, capitale europea della cultura 2019. Pronti ad immergervi nel racconto dei rinomati Sassi di Matera?

Matera città europea della cultura 2019

Non vedevo l’ora di sedermi alla mia scrivania e scrivere l’articolo su Matera.

Quante cose che si sarebbero da raccontare su Matera, riuscirò in un solo articolo? Vorrei tanto riuscirci e quindi probabilmente sarà un articolo lungo… ma ehi, Matera è capitale europea della cultura nel 2019 quindi siete obbligati ad arrivare fino alla fine 😛

Matera, capitale europea della cultura 2019

Dopo un lungo tour della Puglia abbiamo deciso di toccare la Basilicata, approdando nella famosissima Matera.

Matera è formata da due Sassi chiamati Sasso Caveoso e Sasso Barisano, entrambi fantastici e da ammirare.

Abbiamo alloggiato a pochi minuti da Piazza Vittorio Veneto che possiamo definire il perfetto luogo di ritrovo per i gruppi; inoltre, nella stessa piazza, si trova l’info point di Matera nel quale i turisti possono chiedere informazioni, ricevere una cartina di Matera e anche prenotare dei tour organizzati.

Noi abbiamo optato per il tour organizzato in quanto totalmente spiazzati e indecisi da quale punto far cominciare la nostra visita.

Una fantastica guida ha introdotto Matera ai piedi della bellissima Chiesa di San Francesco d’Assisi.

 città europea della cultura 2019

Prima di raccontare qualcosa sulla Chiesa ci ha spiegato tutti i cambiamenti che Matera ha attraverso durante la sua storia, approfondendo l’argomento del materiale naturale che compone i sassi e le sue grotte. Queste sono fatte di un materiale roccioso che tutti chiamano tufo ma che non è corretto al 100%; infatti il tufo ha un’origine vulcanica mentre il materiale che costituisce gran parte di Matera è calcarenite, di origine marittima.

Abbiamo ammirato ancora qualche minuto la facciata barocca della Chiesa di San Francesco d’Assisi (ricordatevi di fare un salto all’interno, non ve ne pentirete!), in seguito ci siamo diretti lungo Via Domenico Rigola nel quale si possono trovare molti ristoranti ma anche tanti punti interessanti quali la Chiesa del Purgatorio, il Museo Archeologico Nazionale e il Museo Nazionale d’Arte Medioevale e Moderna.

Chiesa del purgatorio città europea della cultura 2019

Personalmente ho trovato molto interessante proprio la Chiesa del Purgatorio: anche questa è in stile barocco ma tutte le raffigurazioni ricordano il purgatorio e la morte. Teschi e scheletri la fanno da padrona, non solo sulla facciata ma anche all’interno (piccola ma molto interessante!).

A fianco al museo si trova uno spiazzale nel quale potrete ammirare dall’alto la bellissima Matera, qui sotto potete ammirare la vista del quale vi sto parlando.

vista matera capitale europea cultura

Alla scoperta dei sassi

In seguito ci siamo addentrati nel Sasso Caveoso alla scoperta della bellezza del sasso e di tutto quello che è possibile visitare, ossia la casa-grotta (in estate è perfetta in quanto riuscirete a godere di un fresco molto ricercato), le lunghe scalinate e casette interamente scavate nella roccia e le chiese che vi lasceranno senza parole.

Stiamo parlando della Chiesa di San Pietro Caveoso, molto caratteristica e esempio perfetto delle chiese rupestre locali. Abbiamo avuto l’occasione di ammirarla anche di sera e lo spettacolo è veramente mozzafiato.

vista notturna matera capitale europea cultura 2019

Stiamo parlando, però, anche della Chiesa Santa Maria d’Idris, chiesa rupestre scavata nella roccia con dipinti e affreschi (non si possono fare foto all’interno) che riusciremo a raggiungere facendo un po’ di sali e scendi all’interno del sasso ma che ne vale veramente la pena. Da questo punto, inoltre, avremo la possibilità di scattare tantissime foto con un paesaggio da sogno.

chiesa rupestre matera capitale europea della cultura

Un salto al Bottegaccio Daddiego è d’obbligo. Anch’esso si trova in zona Chiesa Santa Maria d’Idris e nella sua bottega avrete la possibilità di acquistare ricordi di Matera veramente unici; dico unici in quanto si tratta di oggetti interamente fatti da Mario, il bravissimo e talentuosissimo artigiano proprietario della struttura.

Tornando in piazza Vittorio Veneto abbiamo prenotato la visita al Palombaro lungo. Mi raccomando!! Deve essere una delle prime cose che farete appena arrivati nella capitale europea della cultura 2019, prenotare questa visita in quanto i ticket venduti durante la giornata sono limitati (noi abbiamo prenotato la visita nel pomeriggio per la mattina successiva, quasi interamente al completo).

Il Palombaro Lungo è una grossissima cisterna che veniva utilizzata in passato per ovviare al problema dell’acqua a Matera. La visita è molto breve ma allo stesso tempo interessante se vorrete capire e immedesimarvi nelle persone di quell’epoca.

Capitale europea della cultura 2019 e il suo belvedere

Arrivato il momento della Civita. L’origine del nome è proprio città perché sta ad indicare il più antico nucleo abitato.

vista Duomo matera cpitale europea cultura

Al suo interno troviamo il Duomo che domina dall’alto i sassi e da qui la vista è molto fotogenica. Oltre al Duomo (che dovrete per forza visitare) si possono trovare i resti di numerose torri che cingevano questa parte della città.

Il viaggio nei punti nevralgici di Matera è quasi finito, prima però, dovete assolutamente ammirare la vista di Matera da un’altra prospettiva: si chiama Belvedere di Murgia Timone e sicuramente è stata la mia parte preferita, quella che porterò per sempre nel mio cuore.

tramonto matera capitale europea cultura 2019

E’ possibile inserire il nome anche su Google Maps e questo vi porterà in cima ad un bellissimo parco naturale ricco di grotte e chiese rupestri (visitabili solo prenotando la visita). Quello che dovrete assolutamente vedere, però, è la vista di Matera da questa prospettiva. Riuscirete ad ammirare tutto ma proprio tutto e se condite il tutto con la magia e il romanticismo del sole al tramonto non riuscirete a staccare gli occhi da questa vista. Qui sotto un piccolo assaggio.

tramonto matera

Per il momento è tutto. Se non siete mai stati a Matera dovete organizzare al più presto un tour, soprattutto quest’anno che Matera è la capitale europea della cultura e si respira sicuramente un’aria ancora più magica.

>> Potrebbe interessarti anche: il nostro tour della Puglia (Bari, Polignano a Mare, Alberobello, Locorotondo, Ostuni)

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: