Due giorni a Copenaghen: tra freddo e case colorate

Due giorni a Copenaghen per raccontarti un po’ della fredda (ma allo stesso tempo molto colorata) capitale danese

due giorni a copenaghen

Quando pensi a Copenaghen qual è la prima cosa che ti viene in mente? Provo ad indovinare, le caratteristiche case colorate dell’antico porto! 🙂 

Difficile pensare il contrario, eppure se passerai due giorni a Copenaghen rimarrai colpito/a dalle numerose curiosità che questa città ti può riservare.

Sono solito raccogliere racconti di viaggio dei miei ospiti; oggi ti racconterò i miei due giorni passati a Copenaghen, sperando di non tralasciare nulla e cercando di farti innamorare di questa città anche solo con le parole e le foto.

Milano-Copenaghen, circa 2 ore di volo.

Due giorni a Copenaghen: primo giorno

Arrivo a Copenaghen prestissimo. Prima cosa a cui ho pensato: le Corone! Ebbene sì, in Danimarca la moneta è la Corona Danese. Molti posti, soprattutto i più turistici ma anche alcuni autisti degli autobus accettano l’Euro. Consiglio comunque di cambiare i tuoi Euro o dotarti di una carta stando attento/a alle spese che la tua banca ti addebiterà per eventuali spese estere.

In aeroporto troverai parecchie macchine dedite all’acquisto dei biglietti del treno o della metropolitana. Il costo del biglietto per il centro di Copenaghen si aggira sui 5 Euro.

Di Copenaghen racconterò tante cose positive ma, per quanto riguarda noi italiani, l’economicità non è sicuramente la parola che possiamo associare a Copenaghen. 4 Euro un biglietto per una corsa singola sugli autobus urbani per noi italiani sarà un piccolo colpo al cuore.

Ma veniamo al nostro arrivo in città (dico “nostro” perché questo viaggio l’ho organizzato assieme a due colleghi).

Tivoli

Prima attrazione che è balzata subito ai miei occhi è stata Tivoli, il grandissimo parco divertimenti situato all’interno della città.

parco di Tivoli Copenaghen

Il parco era chiuso (per evidenti motivi climatici) ma già da fuori è possibile notare la vastità del parco e l’accuratezza nei dettagli. Inoltre si tratta di un parco storico e il fatto di poter apprezzare ancora la cura nei dettagli è impressionante.

Il parco divertimenti di Tivoli si trova fiancheggiato da una parte dalla stazione ferroviaria (quella dal quale siamo approdati in città) e dall’altra il municipio della città (la nostra tappa successiva).

Due giorni a Copenaghen: il Municipio

Il Municipio di Copenaghen è un imponente edificio in stile neo-rinascimentale. Le particolarità si trovano sia all’interno che all’esterno: all’esterno non possiamo che notare la torre dell’orologio (una delle torri più alte della città); entrando, invece, troveremo interni in stile italiano e l’orologio mondiale, un orologio molto particolare in quanto capace di determinare i calendari per i futuri 570000 anni.

Orologio municipio Copenaghen

Biblioteca reale di Copenaghen

Il nostro tour è proseguito con la Biblioteca Reale, una delle più grandi biblioteche della Scandinavia. La biblioteca presenta dei contrasti artistici parecchio forti; infatti è possibile notare la parte storica con lineamenti più classici e la parte moderna, chiamata anche “diamante nero” perché le lastre che la rivestono sono di marmo nero.

biblioteca reale due giorni a copenaghen

Per il pranzo abbiamo deciso di spostarci più verso la zona centrale, quella più affollata e che comprende negozi e ristoranti. Una cosa che ho avuto il piacere di notare è la street art di Copenaghen.

Passeggiando tra le vie della città (ma in particolar modo in alcune zone) è possibile ammirare bellissimi e coloratissimi murales.

Per quanto riguarda la street art della capitale danese ve ne ho parlato più nello specifico in questo post che vi consiglio di leggere se volete ammirare anche tante coloratissime foto che vi invoglieranno a visitare Copenaghen.

murales copenaghen

Due giorni a Copenaghen: i pasti del primo giorno

Per quanto riguarda i pranzi e le cene ho alcune cose da dirti.

Chi ha letto altri miei post avrà capito che amo provare i piatti tipici dei posti che visito. Armati di connessione e Tripadvisor abbiamo cercato ristoranti che proponevano piatti locali. 

Partendo dal fatto che che tra i consigliati sono veramente pochi quelli che troverai in zona centrale, appena abbiamo provato ad avvicinarci all’entrata di questi o ci è stato comunicata l’assenza di posti a sedere (prenota prima, assolutamente consigliato!) o la coda per prenotare un piatto ci ha scoraggiato.

Per il piatto tipico locale dovrai aspettare il pranzo del nostro secondo giorno (creatore di suspense per professione 🙂 )

Ti lascio comunque lo scatto dell’entrata del ristorante più consigliato su Tripadvisor, magari tu riuscirai a mettere piede in questo ambito posto.ristoranti due giorni a copenaghen

Palazzo di Christiansborg

Nel pomeriggio abbiamo riservato posto alla sede del parlamento danese. Il parlamento risiede nel Palazzo di Christiansborg, il palazzo reale di Copenaghen.

Curiosità: il palazzo è l’unico al mondo nel quale risiedono i tre poteri: esecutivo, legislativo e giudiziario.

Il palazzo si trova su un isolotto che viene anche chiamato “l’isolotto del potere” in quanto è presente uno degli edifici più importanti del paese. Per raggiungere il palazzo, infatti, si dovrà attraversare un ponte in marmo molto caratteristico che ne fa dell’ingresso al palazzo un’entrata interessante e suggestiva.

parlamento di copenaghen

Sono parecchie le parti del palazzo dedicate ai visitatori. Attenzione però agli orari delle visite e ai prezzi differenti. Due giorni a Copenaghen potrebbero rivelarsi un po’ stretti se si vuole visitare l’intera struttura. Di seguito alcune info utili per la visita:

  • residenza reale: aperto tutti i giorni dalle 10 alle 17, da ottobre a marzo chiuso tutti i lunedì. Prezzi: adulti 90 Corone, bambini 80 Corone, gratis con la Copenaghen Card.
  • sotterranei del palazzo: aperto tutti i giorni dalle 10 alle 17, da ottobre a marzo chiuso tutti i lunedì. Prezzi: adulti 50 Corone, bambini 40 Corone, gratis con la Copenaghen Card.
  • Cappella, scuderie, teatro e museo delle carrozze: adulti 95 Corone, bambini gratis. La cappella è gratuita ogni domenica dalle 12 alle 16, a luglio e durante le vacanze pasquali e quelle autunnali. Le scuderie reali e il museo delle carrozze sono aperte da maggio a settembre tutti i giorni dalle 13:30 alle 16. Da ottobre a marzo sarà chiuso il lunedì. Il prezzo di queste due visite è 50 Corone per gli adulti e 40 per i bambini.

Uscendo dal parlamento di Copenaghen, una passeggiata lungo i canali è quasi un toccasana. Solamente in quel tratto avrò scattato più di 50 foto (ok, io sono un po’ esagerato, lo ammetto!).

Cena e porridge danese

Per concludere, prima di rilassarci in una delle tante birrerie tipiche di Copenaghen ci siamo dedicati ad una cena particolare. Seguendo le ricerche del mio collega siamo capitati in un ristorante di porridge. Al mattino è possibile fare colazione con un porridge dolce mentre sia a pranzo che a cena verranno serviti porridge salati. “Groed” è quello che si definisce un ristorante di porridge tipici della Danimarca; i suoi piatti sono anche perfetti per il take away. 

Subito sotto le foto delle nostre scelte (dopo un’attenta ispezione del menù).

cena porridge copenaghen

Quelli che vedi in foto, da sinistra a destra: Crocodile Congee (porridge di riso asiatico con pollo speziato, noccioline, zenzero, soia, cipolle, coriandolo e olio di sesamo), Grodeller (risotto fritto servito con insalata di cavolo rosso, mele, mandorle, mirtilli, vinaigrette e pane tipico danese).

Due giorni a Copenaghen: secondo giorno

Dopo questa bellissima cena possiamo passare direttamente al secondo giorno e alle nostre tanto amate casette colorate.

Nyhavn

Eccole qui, le case colorate che si trovano a Nyhavn, l’antico piccolo porto di Copenaghen. Se sei diretto/a a Christiania finirai sicuramente in zona; armati di reflex e smartphone e comincia a immortalare.

case colorate due giorni copenaghen

Christiania

Continuiamo il percorso con Christiania, chiamata anche “Città libera di Christiania”.

Sono rimasto un po’ stravolto, non mi aspettavo esistesse una vera e propria città all’interno di Copenaghen dove l’hashish è venduto come se fosse pane quotidiano (nella nota “pusher street”), le case e le strade totalmente trasandate e una cultura hippy ancora viva. Nota positiva che ho apprezzato molto sono i tanti murales presenti; ma di questo ve ne ho già parlato nel post dedicato.

Dirigiamoci in direzione del vero simbolo di Copenaghen, la sirenetta.

Due giorni a Copenaghen: sirenetta e chiesa di Frederiks

La sirenetta non si trova a due passi dal centro di Copenaghen, dovrai percorrere parecchia strada. Nel frattempo fermati ad ammirare la Chiesa di Frederiks: è qualcosa di incredibile, sembrerà di esserti catapultato/a a Roma, nella fantastica Piazza San Pietro. La somiglianza è incredibile (ovviamente Piazza San Pietro è più maestosa e più accurata).

Chiesa di Frederiks Copenaghen

Arrivati alla Sirenetta rimarrai deluso/a, lo so! Una piccola statua neanche troppo definita…Ma è pur sempre il simbolo di Copenaghen e quindi non potrai non fotografarla. Dovrai fare lo slalom tra i turisti e soprattutto fare attenzione a non scivolare sugli scogli vicino alla Sirena.

Noi abbiamo trovato una Sirena avvolta dal bianco della neve. Molto suggestivo.

Sirenetta due Giorni a Copenaghen

Il castello di Rosenborg

Dopo una ricca colazione in uno dei tanti “bar” presenti a Copenaghen (vanno matti per i prodotti da forno, troverai svariate tipologie) ci siamo diretti al Castello di Rosenborg. Per quanto riguarda il castello te ne ho parlato nello specifico in un articolo dedicato che troverai qui.

La visita te la consiglio a gran voce. Sembrerà strano ma è una delle visite che più ho apprezzato nella capitale danese.

Castello di Rosenborg retro

Veniamo al pranzo e quindi al piatto tipico di Copenaghen: lo Smørrebrød.

Di cosa si tratta? Semplicemente di pane tipico di segale imburrato. Quello che lo rende appetitoso è il condimento che tende ad essere parecchio abbondante, soprattutto se, come abbiamo fatto noi, lo mangiate a Torvehallerne, il mercato coperto di Copenaghen.

Solitamente troverai pesce di vario genere (ma ne trovate anche fatti di carne o formaggi) e assieme o uova, o maionese o entrambi. Insomma, una fetta di pane molto ricca. Se sei curioso/a di scoprire la ricetta, puoi trovarla a questo link.

Due giorni nella capitale danese: il mercato coperto di Torvehallerne

Il mercato coperto è la zona perfetta per un pranzo ricco. Troverai tutto, e dico tutto. Chi preferisce mangiare Smørrebrød, chi pizza (non mi ispirava molto), chi carne o chi si vuole abbuffare di dolci.

Trovi una vasta scelta di materie prime che potrai acquistare da portare a casa oppure comodamente serviti al tavolo per mangiare all’interno del mercato. Unica pecca: pochi posti a sedere.

smorrebrod due giorni a copenaghen

In ultimo ti consiglio un giro per le strade del centro. Sono caratterizzate da grande pulizia e gli edifici sono molto eleganti. Ho apprezzato anche la caratteristica delle cupole azzurre. Dall’alto potrete notarle con facilità. Per questo ti consiglio di pagare poco più di 3 euro e salire sulla torre rotonda (Rundetarn), una bellissima vista di tutta la città.

Ti ricordo di iscriverti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato/a e di seguirmi sui vari social network. A presto.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *