Cosa vedere a Bari in un giorno

In questo post scoprirai cosa vedere a Bari in un giorno, farai tappa alle più grandi attrattive della città e, perché no, un tuffo rinfrescante.

cosa vedere a bari in un giorno

Un giorno a Bari: cosa vedere

Bari è il capoluogo di regione della Puglia e la terza città del Sud Italia per abitanti (solamente dopo Napoli e Palermo). Città di tradizione mercantile, Bari possiede il porto con il maggior scalo di passeggeri del Mare Adriatico.

Bari è stata la prima tappa del nostro tour pugliese. Siamo arrivati all’aeroporto internazionale di Bari e senza indugio abbiamo noleggiato una macchina direttamente in aeroporto.

In Puglia è fondamentale avere con se’ un’automobile in modo tale da facilitare e velocizzare gli spostamenti (anche quelli più brevi).

Lungomare di Bari

Senza troppo fronzoli, la nostra prima tappa è stata il lungomare di Bari.

Tra le cose da fare a Bari c’è sicuramente una buona e rilassante passeggiata sul lungomare barese. Stiamo parlando di un percorso molto lungo, quindi ti consiglierei di scegliere con cura quello che più ti aggrada: scegli se percorrere il lungomare Nazario Lauro che comprende la spiaggia dei baresi chiamata “Pane e Pomodoro” oppure scegli il lungomare Imperatore Augusto che circonda più che altro la bari vecchia.

Noi abbiamo optato per la seconda e quindi abbiamo fatto una veloce passeggiata sul lungomare prima di incominciare ad addentrarci nella cosiddetta “Bari Vecchia”.

lungomare di bari

Cosa vedere a Bari: Bari Vecchia

Bari Vecchia, così come è chiamata dai baresi, parte proprio dal lungomare estendendosi su una piccola penisola; questa corrisponde all’insediamento sul quale si è sviluppato il primo nucleo urbano.

Man mano che ci si addentra nelle viette sembra di entrare nelle case degli abitanti. Stiamo parlando di un grande centro storico che ha saputo trasformarsi; sì perché è sempre stato conosciuto anche per la sua criminalità e i piccoli furti ma negli ultimi anni ha fatto un grandissimo passo avanti diventando la zona della movida barese.

Proprio nella Bari Vecchia è racchiusa la maggior parte dei beni culturali. Girovagando comodamente a piedi si raggiungerà la Basilica di San Nicola, la Cattedrale di San Sabino e il Castello Normanno-Svevo.

Basilica di San Nicola a Bari

L’accesso alla Bari Vecchia è racchiuso tra i due porti cittadini. Dopo pochissimi minuti ti troverai su un grosso spiazzo e alzando gli occhi al cielo potrai ammirare la maestosa Basilica di San Nicola. San Nicola è il patrono della città e le sue reliquie si trovano all’interno della basilica.

Basilica San Nicola Bari

La basilica è un grandissimo punto di incontro tra la cultura cattolica e quella ortodossa, in particolar modo dopo la caduta del Muro di Berlino che ha portato alla distensione dei rapporti tra est e ovest. La basica porta alla città di Bari un grande turismo religioso confermando la grande dimensione internazionale della città.

Molte persone si rifugiano all’ombra della basilica ma il punto forte è sicuramente tutto quello che si può ammirare all’interno. Prima di addentrarsi nella cripta di San Nicola si possono notare un’antichissimo ciborio (il più antico della Puglia), un antica cattedra del XI secolo e un soffitto ricco di particolari. Qui il sito internet della Basilica di San Nicola.

Pranzo a Bari

Il nostro pranzo si è consumato all’Antica Osteria Vini e Cucina, un locale che ti farà sembrare di essere a casa. Il proprietario è molto gentile e disponibile e ci ha fatto assaggiare alcuni dei piatti locali. Primo su tutti patate, riso e cozze che ho adorato alla follia! I prezzi sono nella media.

patate riso e cozze bari

Potrebbe interessarti anche: Puglia da gustare, i principali piatti pugliesi

Cattedrale di San Sabino a Bari

Dopo pranzo abbiamo continuato il nostro tour nella Bari Vecchia facendo una veloce visita al Duomo di Bari ossia la Cattedrale di San Sabino. La struttura somiglia molto a quella vista in precedenza ma all’interno è sicuramente più spoglia, il che la rende leggermente fredda.

cattedrale san sabino bari

Come dimostra il pavimento a mosaico portato alla luce solo negli anni ’60,  una chiesa era esistente già prima dell’anno mille. Con molta probabilità questa chiesa venne distrutta per poi essere ricostruita solamente nel 1292 portando oggi, ai nostri occhi, un grande esempio di architettura romanico-pugliese.

Cosa vedere a Bari: Castello Normanno-Svevo

Altre due tappe fisse sono il Castello Normanno-Svevo e le due famose viette delle orecchiette (ossia Arco Basso e Arco Alto). Questi due si trovano praticamente adiacenti: dando le spalle all’ingresso del castello potete notare i due archi d’ingresso.

Il Castello Normanno-Svevo è un simbolo della città di Bari, distrutto dal Re di Sicilia Guglielmo I e poi ricostruito per volontà di Federico II di Svevia. 

I Castello si trova all’estremità della Bari Vecchia; caratteristiche sono le torri quadrate e il grosso fossato. Oggi il Castello Normanno-Svevo ospita mostre e congressi.

cosa vedere a Bari castello

Orecchiette

Dopo il castello fate una lunga e rilassante passeggiata per le “vie delle orecchiette”. Tante signore sedute davanti alla loro abitazione sono costantemente prese dalla preparazione delle orecchiette, prodotto tipico della Puglia. Le signore ti faranno vedere la loro tecnica e volendo è possibile acquistare le loro “creazioni”.

orecchiette via a Bari
Orecchiette - Axelandra (Flickr)

L’altra zona della città è quella dedicata al commercio e allo shopping. Tutti i principali negozi si trovano infatti nel Borgo murattiano. Qui lo stile è quello ottocentesco con strade molto grandi e larghe (a differenza della Bari Vecchia).

Se hai ancora del tempo dedicalo alla visita ad alcuni di questi palazzi, ai teatri o ai musei. In alternativa ti consiglio alcune ore nella spiaggia comunale di Bari: “Pane e Pomodoro“.

Pane e Pomodoro, la spiaggia dei baresi

pane e pomodoro bari

La spiaggia è libera e parecchio spaziosa, quindi anche nei momenti più affollati troverai comunque un posticino per il tuo ombrellone e i tuoi asciugamani. In spiaggia avrai anche l’opportunità di sfruttare il servizio gratuito offerto dal comune di Bari che ti permetterà di lasciare gli oggetti di valore in appositi armadietti custoditi.

Questo ci ha permesso di godere delle ultime ore di sole della giornata, approfittandone di un drink fresco nel baretto della spiaggia. 

Sempre a “Pane e pomodoro” potrai parcheggiare nel grosso parcheggio messo a disposizione al solo costo di 1 Euro. In questo parcheggio è possibile anche lasciare la macchina durante la notte (soluzione che abbiamo scelto anche noi). Abbiamo trovato ottimo questo servizio!

La nostra cena è stata in un piccolo ristorantino nella Bari Vecchia nel quale abbiamo avuto la possibilità di assaggiare le orecchiette (non con le cime di rapa perché non erano di stagione) e gli spaghetti all’assassina (tipico piatto locale nel quale si fa rapprendere il pomodoro per poi lasciare gli spaghetti qualche minuto a fuoco alto, facendoli leggermente bruciacchiare).

orecchiette spaghetti bari

Per il resto non abbiamo nulla da aggiungere. Bari è bella da scoprire e girare per le viette del centro mi ha messo una grande allegria nonostante il sole cocente.

Che ne dici di scoprire la seconda tappa del nostro tour pugliese? Uno spoiler: Polignano a Mare

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: