7 tesori di Napoli: i consigli di Gerardo

Anche questo venerdì ho un ospite sul mio blog per la rubrica #viaggioconunospite: si tratta di Gerardo Sansone che ci parla di 7 tesori di Napoli.

Prima di cominciare: lo seguite su Instagram? Dovete assolutamente, non sto scherzando! Partendo dal fatto che mi fa morire dalle risate, trovo che sia una delle persone più simpatiche su Instagram e poi…Le foto sono BELLISSIME! Si chiama @instagerrys. Prendetevi un minuto per andarlo a vedere.

7 tesori di Napoli

7 tesori di Napoli

Qualche giorno fa sono stato contattato da Carlo, il quale mi ha fatto una proposta che non potevo assolutamente rifiutare: scrivere un articolo per raccontare uno dei miei viaggi.

Trovo sempre molta difficoltà nel trovare le giuste parole, anche solo per una semplice descrizione da allegare ai miei scatti, ma l’idea di poter dare un contributo a questa rubrica mi ha entusiasmato fin da subito.

Recentemente ho trascorso tre giorni a Napoli in compagnia della mia dolce metà e vi svelerò sette buoni motivi per trascorrere qualche giorno nella terza città italiana per dimensioni.

Il chiostro maiolicato della Basilica di Santa Chiara

Il chiostro maiolicato della Basilica di Santa Chiara

Tra le numerose meraviglie di questa città, il chiostro maiolicato all’interno della Basilica di Santa Chiara merita assolutamente una visita!

Circondato da portici angioini, al suo interno custodisce splendidi affreschi.

I sentieri che dividono a croce il giardino centrale di lavanda e limoni sono delimitati da 72 colonne ottagonali maiolicate e da numerose panche dipinte con scene rurali.

La pizza

La protagonista assoluta tra le infinite prelibatezze partenopee!

Molti sostengono che le uniche due vere pizze siano la margherita e la marinara, ma non mi sono lasciato sfuggire le sue numerose varianti.

la pizza di Napoli 7 tesori

Nella via del caratteristico Mercatino della Pignasecca, grazie al consiglio di un amico, siamo stati alla pizzeria “Da Attilio” dove abbiamo gustato la sua pizza creativa a forma di sole con il cornicione ripieno di ricotta .

Se invece non volete perdere troppo tempo, quella a “portafoglio” (piegata in quattro) fa al caso vostro, perfetta soluzione da passeggio.

La mia preferita però resta in assoluto la pizza fritta: nelle vicinanze della famosissima via dei pastori potete trovare l’Antica pizza fritta di Zia Esterina Sorbillo (favolosa la ricetta con le polpettine di manzo).

Catacombe di San Gennaro

catacombe di San Gennaro

La città di Napoli detiene un vastissimo patrimonio storico perfino nel sottosuolo.

A nord della città,sopra la collina di Capodimonte,scendendo un centinaio di gradini,è possibile visitare una delle catacombe più antiche e importanti: qui infatti vennero inizialmente conservate le spoglie di San Gennaro.

Grazie alle visite guidate organizzate dalla Cooperativa Sociale Onlus “La Paranza” è possibile apprezzare al meglio lo splendore di questo luogo suggestivo caratterizzato da giochi di luce e di ombre.

Sono rimasto molto colpito dal fatto che il percorso sia stato pensato per essere accessibile sia a persone con difficoltà motorie (grazie all’ausilio di rampe e pedane) sia a persone non vedenti o ipovedenti (attraverso dei bassorilievi in metallo che riproducono alcuni particolari presenti)

I più tecnologici rimarranno colpiti dall ingegnoso sistema di controllo dell’illuminazione a led controllato dagli accompagnatori grazie ad un’applicazione per smartphone che permette di utilizzare le fonti luminose necessarie solo all’occorrenza, con un notevole risparmio di elettricità e consentendo di preservare al meglio le opere presenti.

Il percorso termina nel quartiere Sanità.

Se terminate la visita e avete un certo languorino, poco distante potete una trattoria accogliente dove potete mangiare un ottimo piatto di pasta con salsiccia e friarielli. Il personale è molto gentile e il locale ha un buon rapporto qualità prezzo.

Pastiera, sfogliatelle e babà

Pastiera, sfogliatelle e babà

I più golosi non si lasceranno sfuggire le mille dolcezze tipiche del territorio napoletano.

Vi consiglio caldamente di iniziare il vostro tour alla scoperta del capoluogo campano con la giusta carica e non c’è cosa più buona di una sfogliatella calda.

Se siete appena arrivati in città e vi trovate nei pressi della Stazione Centrale passare all’Antico Forno dei F.lli Attanasio è d’obbligo

Potrete trovare dolci di ogni tipo: soffici Babà al Rum, pastiere napoletane, biscotti di ogni tipo e altre infinite dolcezze.

Castel Sant’Elmo

vista da castel sant'elmo

Assolutamente da non perdere se volete godere di una vista mozzafiato.

Questa splendida struttura è raggiungibile comodamente grazie alla funicolare.

Una volta entrati potrete raggiungere i camminamenti pedonali della fortezza e ammirare tutta la città. La struttura originariamente ospitava la chiesa di Sant’Erasmo ma in seguito venne trasformata in un castello e successivamente venne utilizzata come prigione militare.

Attualmente ospita al suo interno il Museo del Novecento.

Terminata la visita consiglio ai più sportivi di prendere la Pedamentina di San Martino: un percorso di 414 scalini che collega questo punto di osservazione al Corso Vittorio Emanuele.

Fermata Toledo

fermata toledo 7 tesori di Napoli

Se volete fotografare la metropolitana più instagrammabile d’Italia  preparate immediatamente la valigia e recatevi a Napoli!

La stazione di Toledo infatti, progettata dall’architetto catalano Oscar Tusquets Blanca, è considerata la più bella d’Europa.

I suoi incantevoli mosaici dalle mille sfumature di blu e le installazioni luminose riescono ad “immergerti” in un mare immaginario.

Via San Gregorio Armeno

Via San Gregorio Armeno

Famosissima in tutto il mondo, questa via rappresenta il cuore pulsante dell’Arte presepiale napoletana.

Tra le mille statuette e le infinite scenografie acquistabili per poter personalizzare il proprio presepe, avrete sicuramente modo di scorgere alcune riproduzioni fedeli dei più celebri personaggi famosi.

Durante il periodo natalizio, vi invito a visitare questa via al mattino presto per via del forte afflusso turistico.

Vi sono piaciuti questi 7 tesori di Napoli?

Se la vostra voglia di leggere storie di viaggi non è stata esaurita potete consultare uno di questi:

Il viaggio di Andrea a Vicenza

Le 5 Terre e il viaggio di Alessandro

Il viaggio di Andrè a Firenze

Praga e il viaggio di Giulia

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *